About Anadi “Hagi” Mishra

/About Anadi “Hagi” Mishra
About Anadi “Hagi” Mishra2016-11-01T20:16:18+00:00

Anadi "Hagi" Mishra

Frutto di una spora d’induismo attecchita nella culla della cristianità, Anadi “Hagi” Mishra nasce da un bramino e una romano-torinese, sotto il pontificato di Paolo VI.

E’ del leone con ascendente scorpione, il ché sembrerebbe voler dire che non è fregnone come appare. Sin dalle elementari manifesta un vivace interesse per la storia. Alla maturità porta italiano e storia, e si laurea in storia alla Sapienza di Roma. A sedici anni, però, già aveva deciso di fare il musicista, anche se già all’epoca coltivava la scrittura creativa, umiliata con la stesura di qualche raccontino per Forum.

Inizialmente, complici i rutilanti anni novanta, sbarca il lunario cercando di non lavorare mai: da piccolo è percussionista di gruppi indipendenti, da giovane è dipendente di cantanti con contratto discografico; da adulto riesce a chiudere ogni settimana un giornale delle Poste Italiane – “E’ Sabato” – facendo appello a tutte le sue risorse creative (maturate nel giustificare i suoi ritardi sin dal tempo delle elementari), e il settimanale “YoYo – Tutto quello che fa musica a Roma” – grazie a bustarelle passate sottobanco a molti dei suoi ex-colleghi in cambio di interviste e notizie in anteprima. All’età della pensione (quasi), Anadi “Hagi” Mishra si arrende al lavoro, proprio quando la gente normale comincia a pensare di smettere, e si trasferisce in Repubblica Ceca, dove lavora all’IBM di Brno.

Ha conseguito un Dottorato di Ricerca presso La Sapienza di Roma con un progetto sulle identità in transito nel 2015, e ha dato alle stampe il suo primo romanzo, Il Sangue di Trilussa nello stesso anno.

Contemporaneamente Genesista e Pinkfloydiano, Anadi “Hagi” Mishra ama: affinare il Brunello comprato a Montalcino dentro barriques nella sua cantina Tufacea a Corchiano (VT), Howard Hawks e George Cukor, Philip Roth, Trevanian, Ellroy e Simenon, Dylan Dog e Bill Evans e la Scuola di Canterbury. E altro. Tiene un blog  – questo – su cui verga il suo cyber-spleen a sfondo laziale.

Ha due nipoti che adora, è vedovo di una gatta ma ha due cane meravigliose.

“Una Cana, due Cane”.