il sangue di trilussa

Home/il sangue di trilussa
9 05, 2015

Ramesh Mohinder sulla tassista violentata

Di |2016-11-01T20:16:20+01:00Maggio 9th, 2015|il sangue di trilussa|0 Commenti

Logo-Trilussa Ho spesso pensato che il ricorso all'autorità come strategia di difesa sia un marcatore della nostra futura estinzione. Alla loro invenzione, i social network furono salutati come il veicolo dello slancio evolutivo più forte che l'umanità avesse mai conosciuto. Il web 2.0 promise la costruzione di una coscienza nuova, più di quanto non fosse mai stata nell'epoca delle strutture sociali solide. Non è passato tanto tempo, anzi; non si è nemmeno entrati nella prospettiva storica, visto che chi ha quarant'anni è nato in un mondo ed è maturato in una realtà mutevole come non mai. Per dire, io sono passato dal Commodore 64 all'iPad. Dai pennarelli per darsi appuntamenti davanti a scuola (scrivendo sul solito cartellone pubblicitario) a WhatsApp. dalle lettere imbevute di Brüt 33 per la ragazzina di cui ero innamorato alle email con i gattini. Sì, lo so. È un discorso banale, trito e ritrito, fatto un miliardo di volte. E poi non volevo nemmeno [...]

31 07, 2014

La roba pazza che strumpallazza

Di |2016-11-01T20:16:21+01:00Luglio 31st, 2014|Edelweiss, il sangue di trilussa, il sangue di trilussa, romanzo|0 Commenti

http://www.youtube.com/watch?v=QUGunnY8iLw   Sottotitolo: traiettorie imprevedibili che azzerano i tuoi eroi dell'infanzia. Sì, vabbeh. Non è bene piangersi addosso. Certo, siamo d'accordo. Non è che le cose vengono così, senza sforzo. Bisogna passare per la fase del rifiuto, di una forma di umiliazione dell'ingegno, esperire la fine per arrivare al principio. Ennàmo, è chiaro che il mio libro sia stato rimbalzato dal quarto editore di fila. Non convinceva appieno nemmeno me. Come, d'altronde, tutto quello che faccio. Non mi convinceva e non mi convince perché conosco il processo mentale che origina la roba mia, e il percorso creativo che sottende ogni mia traccia su questo mondo. Io non darei credito a uno che ragiona come me, quindi per alcuni versi sono d'accordo con le scelte degli editor che hanno cassato il mio lavoro.  Meno male che non tutti sono così inflessibili, e meno male che il mondo è pieno di varietà, perché sennò non avrei neanche finito le medie, figuriamoci un Dottorato di Ricerca. [...]